Sotto il Pelmo

Alla maggioranza dei biker il nome di John Ball non dirà probabilmente niente, ma a chi ha vissuto la montagna ad almeno 270° questo nome ricorda di sicuro la famosa adrenalinica cengia battezzata così dall’alpinista inglese primo salitore del Pelmo nel lontano diciannovesimo secolo e che si può ammirare in tutto il suo splendore dal Passo di Rutorto nei pressi del Rifugio Venezia, un binocolo o un tele aiuta molto. La vista sul Pelmo da lì merita da sola una gita con la bike, partenza da Forno di Zoldo e salita a Zoppè, per comoda sterrata al rifugio e poi un single track un po’ fangoso in saliscendi che va a sfiorare le rocce dell’immensa parete orientale, quella del Cadregon, è un tratto dell’Anello Zoldano e più sotto il Pelmo di così non si può. La discesa a Coi per il facile sentiero 526 è il giusto complemento di una lunga giornata in Dolomiti, nessun passaggio difficile da fare a piedi, puro relax in sella per godersi i panorami, cosa volere di più. Dal paese di Costa c’è un altro bel single fino a Iral, poi volendo ce ne sarebbe un terzo fino a Villa, l’ho fatto ma sinceramente è troppo xc per i miei gusti, i saliscendi alla fine di una discesa, se discesa deve essere non esiste tornare a fare salite, le lascio volentieri ai giovincelli delle gambe depilate e delle 29″ con gommine striminzite, è proprio un altro sport.

E allora ecco servito il Pelmo on the rocks.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.