La Strada della Malvasia: Finis Terrae

Terzo giorno della SDM e non ci rimangono che 17 kilometri per arrivare alla punta meridionale della penisola di Promontore e dell’Istria intera, la nostra meta finale dove la terra lascia spazio al Mare Adriatico e non si può più andare oltre, con la bici s’intende. La giornata è calda e sebbene sia il 29 settembre sembra di essere in estate, quell’estate che quest’anno abbiamo aspettato, desiderato, cercato sulle montagne e altrove ma che solo adesso si concede a noi biker stanchi, sudati e con le gambe acciaiate dai tanti km percorsi, la ricompensa perfetta per questo fantastico tour. Programma della giornata il periplo della penisola, una ventina di km su single track e qualche sterrata che vale per intero il prezzo del biglietto, naturalmente con sosta a metà fra i canneti del Safari Bar, per la cena invece ci aspetta la konoba Mamut in paese per finire in bellezza con la bevanda sponsor del giro.

L’indomani, quando passiamo il cartello di Premantura per il ritorno senza storia a Parenzo, mi scatta improvvisa la nostalgia, sento già che questo posto magico mi mancherà fino al prossimo anno.

Image_01 Image_03 Image_04 Image_05 Image_07 Image_10 Image_11 Image_14 Image_18 Image_21 Image_23 Image_30 Image_33 Image_36 Image_40 Image_41

Dalle alpi alle piramidi…

…di sassi. 😉  Un po’ di relax a Premantura è quasi d’obbligo a fine estate, mai senza la bici. Questa volta ho portato la Trailstar in versione full rigid tutta in acciaio, mi mancava da provare sta cosa e poi questo telaio può dire di averle viste proprio tutte: nata singlespeed, poi fixed, 1×9  e 2×9 con forcella da 150 mm, e adesso rigida con forcella Salsa in acciao da 29″!  E devo dire che sui sentieri di terra battuta o fondo roccioso compatto non è niente male, per c@zzeggiare qui al mare va che è una meraviglia e anche per qualche giretto turistico preso da qui:

http://www.istria-bike.com

Premantura in settembre è comunque sempre un bel vedere, anche per l’ambiente umano che gira, diciamo così… però strano che dopo il giorno 8 non ci siano più tedesche e tedeschi, valli a capire…

P1020335

P1020211

P1020318

P1020366

P1020247

P1020300

P1020404

P1020420

Post Mount(ain)

Premantura è un caratteristico villaggio all’estremità sud dell’Istria: passate le ultime case si entra nella penisola di Kamenjak, diventata Parco Naturale, lunga sei kilometri e larga uno, con qualcosa come trenta km di baie e spiagge di ciotoli o scogli che ne fanno un posto di straordinaria bellezza e integrità ambientale, da impressionare anche il più fanatico dei montanari. Le strade di accesso sono naturalmente sterrate, e molto polverose nelle estati secche, ma il fatto più interessante per un biker è la rete di sentieri che costeggia il mare, con le belle pinete da una parte e le scogliere o le spiagge dall’altra, perfette per una pedalata stile cazzeggio con la mountainbike. Oddio, forse il termine “mountain” qui andrebbe rivisto e aggiornato, forse sarebbe meglio parlare di marine xc, o postmountainbike. D’altronde, sappiamo tutti che questo sport è nato in prossimità del mare.
Un fatto è certo: girare in questi posti con la front single speed è semplicemente fantastico, i dilsivelli sono ridicoli, ma i passaggi sulle rocce ed i panorami sulle scogliere non sono da meno di una uscita dolomitica, chiedetelo a tutti i tedeschi che passano di qua in bici, ordinati e silenziosi come solo loro sanno fare.

IMG_2041