Zoufplan B

Il versante migliore dello Zoufplan è, guarda caso, il lato B, quello dopo aver lasciato alle spalle la mega stazione meteo visibile da tutto il circondario. Qui arriva una larga strada in gran parte asfaltata che sale da Cercivento 1400 metri più in basso, ma i tanti escursionisti che s’incontrano d’estate forse non hanno mai fatto caso al sentiero poco visibile tra l’erba alta che con il segnavia CAI 141 si stacca dalla strada e scende a Forcella Tierz, sentiero anni fa bello largo, toh, che sorpresa, e adesso così malridotto da percorrere a passo d’uomo. Se poi ci aggiungiamo le condizioni penose della traccia che scende il bellissimo vallone del Tierz ormai semi abbandonato allora si può capire che a pochi biker venga voglia di sobbarcarsi un giro così lungo per una discesa per buona metà non proprio entusiasmante, è un peccato perchè il bello arriva nella parte finale del giro sulla spettacolare Via Romana da Cleulis a Cercivento. In ogni caso è un bel giro old school, passare in bici in valli a zero traffico umano a poca distanza da mete alla moda ha sempre un suo perchè, ma lasciamo che parlino le immagini, grazie Blackmagic, grazie DJI, grazie GoPro, I think I’m in love ( probably just hungry).

Kolovrat

Come fosse un pellegrinaggio quest’anno è d’obbligo una capatina sul Kolovrat visto che cade il centenario della tristemente famosa disfatta di Caporetto e dell’altrettanto famosa avanzata di Rommel e delle sue truppe a partire da questo sbarramento naturale sulla pianura dell’Isonzo considerato all’epoca inespugnabile, poi si sa come andò a finire. E’ un giretto corto, partendo da Drenchia, ma di grande interesse storico, un po’ di cultura non fa male, molto panoramico e anche divertente nelle corte giornate invernali, se c’è neve ancora meglio giusto per slaidare allegramente un po’ a destra e un po’ a sinistra. Il Sentiero della Pace che corre sul piatto crinale di domenica è piuttosto frequentato quindi meglio andarci via per la settimana, da evitare anche il troj che dal bivavcco Zanusso torna a Passo Solarie, un sentiero che vorrebbe essere una discesa ma che discesa non è, decisamente meglio quello che scende senza esitazioni alle case di Drenchia.

Non sempre giro corto vuol dire scarso, portatevi un tele decente e perdete un quarto d’ora a fare foto che la vista sul Krn vale da sola il biglietto.