La Strada delle Malghe

La Strada delle Malghe per antonomasia è quella della Val Visdende, uno dei primi giri facili, solari e panoramici per i neofiti della mtb, qui io e i miei compari dell’epoca ci arrabattavamo in sella ai gloriosi rampichini dei Nineties full rigid. In realtà io volevo salire da Plenta alla Malga Chiastellin per farmi solo il tratto con un po’ di sentiero di tutto l’anello, arrivato all’inizio della salita la sorpresa di trovare il cartello di divieto d’accesso per lavori forestali alle auto, moto, bici e pedoni addirittura, che siamo a Prypiat? Mi ostino a salire, che vuoi che sia, e invece 400 metri più in alto un pickup mi blocca e il tipo alla guida mi avverte che non si passa proprio, la catasta di alberi abbattuti è troppo alta per passarci anche a piedi. Mi ricorda qualcosa, una domenica di quattro anni fa dietro l’Osternig mi era capitato di arrampicarmi su una catasta simile con i 22 kg della Levo in spalla, solo che era domenica appunto e nessuno in giro. Un terzo di batteria andata e non mi resta che girare la Decoy di 180 gradi e ripiegare sul giro classico delle malghe, un rapido calcolo e dovrei farcela con la batteria per i 900 metri di salita che mi aspettano, mi vengono in mente frasi in stile feisbuc tipo “Movimento No Vaia”, ” E’ tutta una macchinazione di Big Tree”, ” Solo l’1% degli alberi è schiantato a causa di Vaia, gli altri sarebbero crollati comunque per l’età avanzata”, e via dicendo, intanto pedalo assistito in scioltezza e raggiungo Casera Campobon dove posso finalmente godermi la panoramica traversata in quota sulla comoda e larga stradina.

La Strada delle Malghe… è proprio una strada, di sentieri qualcosa ma solo alla fine e poca roba, anche la discesa finale dalla Malga d’Antola con le sue magnifiche paraboliche è un lontanissimo ricordo degli anni ’90, il cantiere per l’ennesimo allargamento della strada a Malga Chivion è abbastanza allucinante, il turismo del terzo millennio. Fa specie poi trovare in una gita tipicamente xc da fare quasi con un frontino tanti enduristi con grosse bici, elettriche e non, fra tutte spiccava una bellissima Rotwild azzurra, che se penso all’Atala che usavo in sti giri rimango perplesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.