Lander Gerät

Probabilmente il Sentiero dell’Anno, ha tutto quello che personalmente chiedo ad una discesa in mtb: mulattiera nel bosco a “U” con le sponde scavata dai nostri avi sui fianchi della montagna e larga il giusto per il trasporto con gli animali, gradini naturali formati da pietre e radici alti quanto basta e senza l’effetto voragine che certe volte si presenta inaspettatamente nelle discese davanti la ruota anteriore, in altre parole il massimo del divertimento senza nessun effetto collaterale, perché, come dice il saggio, “I don’t like complications, the same in mountainbiking”. Mi riferisco al corto ma spettacolare sentiero 408 che dal bivacco Lander (chiuso causa Covid-19), nelle vicinanze dei famosi campanili di terra omonimi, scende con classico percorso a tornanti a Piano d’Arta, abbastanza frequentato dagli escursionisti e quindi in ottime condizioni ad eccezione di qualche schianto da superare a piedi, cosa abbastanza comune dopo Vaia. Certo che se qualche volontario armato di motosega volesse passare una giornata da quelle parti noi biker non ci opporremmo, anche il discorso fatto pochi giorni fa sull’uso creativo della dinamite non sarebbe tanto fuori luogo.

+ + + + +

Qualche tempo fa un famoso Direttore di un famigerato forum di mtb scriveva che il formato delle gomme plus, cioè quelle larghe dai 2,8” ai 3” che si vedevano alcuni anni fa in genere sulle bici enduro da 27,5, era ormai morto e sepolto e sostituito dal passaggio alle 29 con gomme più strette, massimo 2,5”, tutto per migliorare la guidabili, bla, bla. Bene, giusto perché sono abbastanza testardo e non credo a tutto quello che si legge in giro sono invece passato sulla Decoy al 2,8” con i Vigilante anche sulla ruota anteriore da 29 formando una coppia perfetta con la ruota posteriore da 27,5 già montata di serie con la 2,8”, e credo di aver fatto bene, anzi benissimo, adesso la mia Decoy + passa impavida su tutto e si fa un baffo delle regole stabilite dagli “influencer” che, strano a dirsi, anche nel settore bike esistono eccome, sono solo un po’ meno avvenenti.  Per non parlare di quelle ciofeche dei freni Sram finiti in discarica e rimpiazzati dai potentissimi Saint, è nato così oggi il nickname germanico della mia bici, Lander Gerät, l’Apparecchio ideale per un sentiero come quello del Lander.

+++++

Negli ultimi mesi post lockdown ho dovuto affrontare un piccolo grande problema personale, non ho mai avuto sotto il culo migliore bici della Decoy, bici che mi fa risparmiare tantissima fatica nelle salite cosicché quando si tratta di scendere sono sempre fresco come una rosa e allo stesso tempo in discesa invoglia a non fermarsi, quindi addio foto, video e passatempi simili, d’altronde o ti diverti con la bici o stai ore a smazzarti con la Z6, il Tokina 17, l’85 F2, il Mavic 2 Pro e gingilli vari. Una volta tanto mi sembra proprio azzeccato lo slogan ufficiale della YT, “Send It”, un po’ come dire: “Bùtile!”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.